オペラ作曲家別索引

オペラ対訳完成

その他対訳完成

対訳一部完成

このサイトについて

アクセス数

  • 今日  -
  • 昨日  -
  • 累計  -

翻訳エンジン


bose_soundlink_color_ii



ATTO TERZO

Il paesaggio: L'Hochstoff

La scena è divisa. A destra la casa dello Stromminger (ora della Wally); sul davanti l'interno della camera da letto della Wally. Dall'altra parte una via dell'Hochstoff fiancheggiata a sinistra da case. Dalla via si entra nella camera della Wally da una piccola porta. Due finestre stano ai lati di questa porta. Nell'estremo orizzonte, come nel primo atto, ma da un diverso punto di vista, il Murzoll, il Similaun. Il ponte rimane assai più vicino agli spettatori, e il sentiero che vi conduce non è che una continuazione della via dell'Hochstoff. Cade la sera. Davanti all Crocifisso la lampada è accessa.

Nella camera della Wally: La camera è immersa in una profondo oscurità.

Nella strada: Ritornano a gruppi quelli dell'Hochstoff che sono andati alla festa di Sölden. Tornano a coppie di quattro, di sei, uomini, donne; se ne vengono lentamente pel ponte, e silenziosi rincasano. Ultima si vede tornare la Wally, accompagnata dal piccolo Walter. La Wally è ancora vestita della splendida veste di velluto ma i fiori che l'addornavano sono tutti strappati. Essa è assorta in pensieri che l'addolorano, e affannosamente camina, quasi inconscia di sè, seguendo il piccol Walter.

Nella camera della Wally: Wally apre la porta della camera e vi lascia passare la Wally, seguendola; poi richiude la porta e accende una lampada. La Wally rimane immobile in mezzo alla stanza.

Nella strada: Vincenzo Gellner viene dal fondo, passa lentamente per la via dell'Hochstoff, ed entra in una delle case che la fiancheggiano. La notte è scesa oscurissima.

WALTER
Fa cor, Wally!

WALLY
sempre pensierosa
Hai tu veduto Gellner?

WALTER
No! Forse a Sölden passerà la notte.

WALLY
Non l'hai veduto dunque?

La Wally si leva il vezzo di perle, e lo guarda sorridendo amaramente; poi con un gesto di disprezzo lo getta sopra una tavola, e siede annodandosi i capelli che disordinamente le scendono sulle spalle.

Dietro il ponte della Ache si ode avvicinarsi poco a poco una canzone. È il Pedone di Schnals, mezzo ubbriaco, che canta.

WALTER
addolorato guardando la Wally
O mia Wally!

WALLY
interrompendo
Taci …

IL PEDONE
traversa il ponte, e se ne viene a sghimbescio verso l'Hochstoff
Non v'è maggior piacer …

WALLY
Che è questo? Ascolta!

IL PEDONE
D'un bel colmo bicchier.
Ah sì! credete a me,
Altro non v'è!

Gellner, all'udire la voce del Pedone esce dalla casa ove era entrato poc'anzi ne chiude la porte con gran precauzione, poi, quasi strisciando per la via, va a porsi allo sbocco del sentiero.

WALTER
apre una delle finestre e sta ad ascoltare, poi richiude
È un ubbriaco che canta …

WALLY
chi si è alzata, agitata, ad ascoltare, ritorna a sedere mormorando
È ver! Pareami un lamento!

IL PEDONE
scendendo il sentiero
Così sempre giocondo
È questo falso mondo …
Se l'amore t'inganna
Garzon, canta e tracanna!
Ah sì! credilo a me,
Altro non v'è!

WALTER
con affetto e quasi supplichevole
Vuoi che teco rimanga questa sera?

WALLY
No, voglio restar sola … te ne prego …

Walter bacia Wally ed esce per una porta interna a destra. La Wally è agitatissima; ad ogni istante paurosa tende l'orecchio; vorrebbe pregare, ma non può. Finalmente dà in un pianto dirotto, e, la testa fra le mani, si lascia cadere in ginocchio a piè del letto.

Allo sbocco del sentiero, là dove questo si congiunge alla strada dell'Hochstoff, Gellner arresta il Pedone, ponendogli una mano sulla spalla.

GELLNER
sottovoce, rapidamente
Ebben … dunque?

IL PEDONE
lasciando sfuggire un comico gesto di paura
Ah! siete voi?
Pel ciel, m'avete fatto paura …
Gellner impaziente scuote il Pedone.
Io là rimasi fino a sera,
Quando ad un tratto l'Hagenbach disparve.

GELLNER
Disparve?

IL PEDONE
Me ne uscii; era già notte.
Allor decisi di tornare …
Un uom scendeva lento il sentier dell'Ache …

GELLNER
L'Hagenbach forse?

IL PEDONE
Egli in persona!

GELLNER
Parla sommesso … Ebben?

IL PEDONE
Lo riconobbi.
La Wally a un tratto si scuote! Le sue mani corrono ai suoi occhi, incredula del suo dolore, quasi a convincersi che essa ha pianto!
Costui è certo un uomo di coraggio …

GELLNER
Perchè?

IL PEDONE
Venir qui solo, e ad ora così tarda!
Per lui già piange Sölden …
Là si teme qui si voglia … vendicar la Wally!

GELLNER
ridendo
Ohibò! pazzie!
dandogli del denaro
Però non si sa mai.
Vanne a dormir lontano …
Mala notte è questa.

IL PEDONE
strizzando l'occhio
Non mi ci piglia!
Parte dal fondo a sinistra, scomparendo dietro la casa dello Stromminger, zuffolando.

GELLNER
L'Hagenbach qui? Egli all'Hochstoff?
Ohibò! Ubbriaco è il Pedon … non è possibil!
dopo una pausa
E se ciò fosse? Se …
arrestandosi e guardando d'intorno
La notte è oscura …
E una sventura …
Può toccare a tutti …
La lampada lassù … potrebbe spegnersi …
Impetuoso è il vento …
esitando
Perchè tremo? perchè tremo?
Ahimè! mi guarda il Crocifisso nero!
riavendosi
Gellner! Gellner! Gellner, su via!
Si tratta di Wally!

Si caccia su pel sentiero scrutando nell'oscurità, e tendendo le orecchie per ascoltare il più piccolo rumore. Più che camminare, egli striscia su pel sentiero. Arrivato al ponte, si ferma quasi diffidente; guarda ancora intorno a sè, poi lo varca. Si avvicina al Crocifisso, e con grande destrezza ne spegne la lampada. Il vento soffia più che mai impetuoso. Gellner scompare nell'oscurità dietro il ponte e aspetta. La scena rimane completamente immersa nel buio.

WALLY
con un gesto risoluto si dà a pregare il letto. Si toglie di dosso il corsetto di velluto. Poi si inginocchia, fa il segno di croce e prega. Ma a un tratto si alza esclamando contristata e dispettosa:
Nè mai dunque avrò pace?
E da pensieri tristi ognor sarò turbata?
Ohimè! solo una celia io fui per lui,
E del mio ardente bacio egli si rise?
con accento d'odio
Ebben, morrai, crudel!
con raccapriccio prima, poi con isconforto
Ah! misera me, che l'amo, l'amo!
La giovinezza coi suoi sogni ardenti,
Or crudeli tormenti,
Tutta sola mi lascia;
È già s'accascia
Nel triste ricordare la persona,
E la speranza fugge e m'abbandona!
In un suo bacio v'era la mia vita,
In un suo bacio la speranza tutta!
E m'ha quel bacio la vita infranta!
Misera me! Ei m'ha la vita,
piangendo
Ei m'ha la vita con quel suo bacio infranta,
Ohimè, ohimè, ohimè!
Pur … gli perdono; io non vo' la sua vita …
A Gellner voglio dir che pazza fui …
Apre la porta per iscendere nella via, ma si arresta sulla sogli spaventata dall'oscurità.
Che tetra notte!
Come fischia il vento!
guardando verso il ponte
Spento è il lume laggiù!
Giuseppe certo a Sölden è rimasto;
Per stanotte non ha nulla a temer …
Doman l'avvertirò!
Richiude la porta e più tranquilla si accinge a coricarsi.

HAGENBACH
compare dietro il ponte; egli cammina a tentoni nell'oscurità
Buio è il sentier …
La lampada è spenta …
Ma che m'importa?
Ai piedi di Wally il rimorso e l'amor mi guideranno.
Ah! …

Sta per passare il ponte, quando Gellner gli è addosso, e lo fa precipitare dal piccolo parapetto. L'Hagenbach getta un urlo terribile. Gellner scende rapidamente, quasi fuggendo. Poi, giunto allo sbocco del sentiero, rallenta il passo e fa per rientrare in casa sua. Ma vendendo la finestra della camera della Wally ancora rischiarata da un lume, vi si avvicina.

WALLY
sobbalzando
È strano! intorno a me solo lamenti odo stanotte.

GELLNER
È desta ancora la selvaggia e aspetta!
Batte sommessamente ai vetri d'una finestra.

WALLY
Oh ciel! chi batte?
con spavento
È Gellner! Che vorrà?
Atterrita, corre come una pazza alla porta, l'apre ed esce nella via.

Da questo punto l'azione si svolge tutta nella via dell'Hochstoff.

GELLNER
Se vuoi vederlo morto
Nell'Ache discendi e lo vedrai.

WALLY
No, non è ver!

GELLNER
Oh come vero Dio …

WALLY
No, non è ver!

GELLNER
Dal ponte or or l'ho precipitato …

WALLY
afferrandolo convulsa per il collo
Vile!

GELLNER
Taci … che fai?

WALLY
trascinando verso il ponte
Vieni con me …

GELLNER
dibattendosi
Taci … mi lascia …

WALLY
Vieni! Vieni! Laggiù noi due insiem!
Là v'è l'altare delle nostre nozze.

Trascina Gellner sin presso al ponte, quando dall'abisso sorge un lamento. Ascolta trepidante. Le sue braccia lasciano sfuggire Gellner. Un altro lamento s'ode distinatamente.

WALLY
con impeto di gioia
Dio! vive ancor! ei vive ancor!
Scende precipitosa nella via, urlando e picchiando a tutte le porte.
A me, a me, soccorso!
A me, soccorso a me!

Si schiudono alcune finestre, si aprono le porte delle case; uomini e donne compaiono.

ABITANTI DELL'HOCHSTOFF
Che avvenne?

WALLY
Un uom nell'Ache …

ABITANTI DELL'HOCHSTOFF
Morto?

WALLY
Presto! È l'Hagenbach … ei vive … Presto!

La scena è invasa da uomini, da donne; chi porta torcie, chi corde e scale. Gellner è scomparso.

ABITANTI DELL'HOCHSTOFF
Presto alle corde … i nodi stretti!
Ben stretti i nodi …

WALLY
Stretti …

ABITANTI DELL'HOCHSTOFF
Ora allacciamo!

Dall'altra parte del ponte intanto si vedono venire a frotte quei di Sölden con armi e torcie; fra essi è Afra.

ABITANTI DI SÖLDEN
minacciosi
Dell'Hagenbach cerchiam … Dov'è?
Dov'è chiediam, dov'è, dov'è?

Un gran silenzio; nessuno osa rispondere.

AFRA
scoppiando in lacrime
Ah! l'hanno ucciso!

Quei di Sölden stanno per iscagliarsi contro quelli dell'Hochstoff; la Wally s'interpone gridando:

WALLY
Morto non è … No! spera … lo riavrai!

ABITANTI DI SÖLDEN E DELL'HOCHSTOFF
Oh! audacia!

Rapidamente Wally si apre un passaggio tra la folla, e corre verso il precipizio. Tutti la seguono collo sguardo. La Wally, senza esitare, per un piccolo sentiero scende nell'abisso. Meravigliati, quasi atterriti del suo forte atto di coraggio, gli uomini con le torcie alla mano, si affacciano al precipizio. Le donne s'inginocchiano in disparte e pregano.

ABITANTI DELL'HOCHSTOFF
Oh! spavento!
Signor, la proteggete!
Caliam le corde …
Ave Maria, gratia plena, dominus tecum …
Signor, la proteggete!
sbigottiti
Nulla s'ode …
L'abisso è profondo …
Ascoltiamo in silenzio …

WALLY
dal fondo dell'abisso, con gioia
Vive! Vive!

ABITANTI DI SÖLDEN E DELL'HOCHSTOFF
Vive! Presto, alle corde …

AFRA
All'opra sù!

ABITANTI DI SÖLDEN E DELL'HOCHSTOFF
si affannano all'abisso
All'opra, issa!
Forza alle corde, all'opra sù!
Sù issa! ohè! all'opra sù!

Dopo pochi minuti di un'ansia spaventevole, la Wally compare tenendo legato e stretto a sè il corpo dell'Hagenbach, privo di sensi.

AFRA, ABITANTI DI SÖLDEN E DELL'HOCHSTOFF
È salvo! è salvo!
Gli amici prendono Giuseppe e lo adagiano per terra.
O santa e generosa creatura, generosa e santa!

WALLY
in uno stato di suprema esaltazione, dall'alto della rupe, additando alla folla che le si accalca attorno il corpo del giovane cacciatore, esclama:
Sì, vive ancor!
ad Afra
È Dio che t'el ridona
E tuo lo vuole, per mia man salvato.
sempre ad Afra con grande commozione
Così … pur la mia casa …
E i campi, e i pratti, Afra son tuoi …
Un singhiozzo le tronca la parola; scoppia in lagrime e s'inginocchia presso Giuseppe baciandolo in volto e mormorando:
Addio! Addio!
Poscia si scosta rapidamente da lui, e pretendo nelle sue mani di Afra, le dice a voce alta per modo che tutti possano udire:
Allor che gli occhi riaprirà alla luce,
Gli dirai che il bacio che mi tolse,
Ora gli ho reso!

AFRA, ABITANTI DI SÖLDEN E DELL'HOCHSTOFF
O generosa e santa creatura!
ATTO TERZO

Il paesaggio: L'Hochstoff

La scena è divisa. A destra la casa dello Stromminger (ora della Wally); sul davanti l'interno della camera da letto della Wally. Dall'altra parte una via dell'Hochstoff fiancheggiata a sinistra da case. Dalla via si entra nella camera della Wally da una piccola porta. Due finestre stano ai lati di questa porta. Nell'estremo orizzonte, come nel primo atto, ma da un diverso punto di vista, il Murzoll, il Similaun. Il ponte rimane assai più vicino agli spettatori, e il sentiero che vi conduce non è che una continuazione della via dell'Hochstoff. Cade la sera. Davanti all Crocifisso la lampada è accessa.

Nella camera della Wally: La camera è immersa in una profondo oscurità.

Nella strada: Ritornano a gruppi quelli dell'Hochstoff che sono andati alla festa di Sölden. Tornano a coppie di quattro, di sei, uomini, donne; se ne vengono lentamente pel ponte, e silenziosi rincasano. Ultima si vede tornare la Wally, accompagnata dal piccolo Walter. La Wally è ancora vestita della splendida veste di velluto ma i fiori che l'addornavano sono tutti strappati. Essa è assorta in pensieri che l'addolorano, e affannosamente camina, quasi inconscia di sè, seguendo il piccol Walter.

Nella camera della Wally: Wally apre la porta della camera e vi lascia passare la Wally, seguendola; poi richiude la porta e accende una lampada. La Wally rimane immobile in mezzo alla stanza.

Nella strada: Vincenzo Gellner viene dal fondo, passa lentamente per la via dell'Hochstoff, ed entra in una delle case che la fiancheggiano. La notte è scesa oscurissima.

WALTER
Fa cor, Wally!

WALLY
sempre pensierosa
Hai tu veduto Gellner?

WALTER
No! Forse a Sölden passerà la notte.

WALLY
Non l'hai veduto dunque?

La Wally si leva il vezzo di perle, e lo guarda sorridendo amaramente; poi con un gesto di disprezzo lo getta sopra una tavola, e siede annodandosi i capelli che disordinamente le scendono sulle spalle.

Dietro il ponte della Ache si ode avvicinarsi poco a poco una canzone. È il Pedone di Schnals, mezzo ubbriaco, che canta.

WALTER
addolorato guardando la Wally
O mia Wally!

WALLY
interrompendo
Taci …

IL PEDONE
traversa il ponte, e se ne viene a sghimbescio verso l'Hochstoff
Non v'è maggior piacer …

WALLY
Che è questo? Ascolta!

IL PEDONE
D'un bel colmo bicchier.
Ah sì! credete a me,
Altro non v'è!

Gellner, all'udire la voce del Pedone esce dalla casa ove era entrato poc'anzi ne chiude la porte con gran precauzione, poi, quasi strisciando per la via, va a porsi allo sbocco del sentiero.

WALTER
apre una delle finestre e sta ad ascoltare, poi richiude
È un ubbriaco che canta …

WALLY
chi si è alzata, agitata, ad ascoltare, ritorna a sedere mormorando
È ver! Pareami un lamento!

IL PEDONE
scendendo il sentiero
Così sempre giocondo
È questo falso mondo …
Se l'amore t'inganna
Garzon, canta e tracanna!
Ah sì! credilo a me,
Altro non v'è!

WALTER
con affetto e quasi supplichevole
Vuoi che teco rimanga questa sera?

WALLY
No, voglio restar sola … te ne prego …

Walter bacia Wally ed esce per una porta interna a destra. La Wally è agitatissima; ad ogni istante paurosa tende l'orecchio; vorrebbe pregare, ma non può. Finalmente dà in un pianto dirotto, e, la testa fra le mani, si lascia cadere in ginocchio a piè del letto.

Allo sbocco del sentiero, là dove questo si congiunge alla strada dell'Hochstoff, Gellner arresta il Pedone, ponendogli una mano sulla spalla.

GELLNER
sottovoce, rapidamente
Ebben … dunque?

IL PEDONE
lasciando sfuggire un comico gesto di paura
Ah! siete voi?
Pel ciel, m'avete fatto paura …
Gellner impaziente scuote il Pedone.
Io là rimasi fino a sera,
Quando ad un tratto l'Hagenbach disparve.

GELLNER
Disparve?

IL PEDONE
Me ne uscii; era già notte.
Allor decisi di tornare …
Un uom scendeva lento il sentier dell'Ache …

GELLNER
L'Hagenbach forse?

IL PEDONE
Egli in persona!

GELLNER
Parla sommesso … Ebben?

IL PEDONE
Lo riconobbi.
La Wally a un tratto si scuote! Le sue mani corrono ai suoi occhi, incredula del suo dolore, quasi a convincersi che essa ha pianto!
Costui è certo un uomo di coraggio …

GELLNER
Perchè?

IL PEDONE
Venir qui solo, e ad ora così tarda!
Per lui già piange Sölden …
Là si teme qui si voglia … vendicar la Wally!

GELLNER
ridendo
Ohibò! pazzie!
dandogli del denaro
Però non si sa mai.
Vanne a dormir lontano …
Mala notte è questa.

IL PEDONE
strizzando l'occhio
Non mi ci piglia!
Parte dal fondo a sinistra, scomparendo dietro la casa dello Stromminger, zuffolando.

GELLNER
L'Hagenbach qui? Egli all'Hochstoff?
Ohibò! Ubbriaco è il Pedon … non è possibil!
dopo una pausa
E se ciò fosse? Se …
arrestandosi e guardando d'intorno
La notte è oscura …
E una sventura …
Può toccare a tutti …
La lampada lassù … potrebbe spegnersi …
Impetuoso è il vento …
esitando
Perchè tremo? perchè tremo?
Ahimè! mi guarda il Crocifisso nero!
riavendosi
Gellner! Gellner! Gellner, su via!
Si tratta di Wally!

Si caccia su pel sentiero scrutando nell'oscurità, e tendendo le orecchie per ascoltare il più piccolo rumore. Più che camminare, egli striscia su pel sentiero. Arrivato al ponte, si ferma quasi diffidente; guarda ancora intorno a sè, poi lo varca. Si avvicina al Crocifisso, e con grande destrezza ne spegne la lampada. Il vento soffia più che mai impetuoso. Gellner scompare nell'oscurità dietro il ponte e aspetta. La scena rimane completamente immersa nel buio.

WALLY
con un gesto risoluto si dà a pregare il letto. Si toglie di dosso il corsetto di velluto. Poi si inginocchia, fa il segno di croce e prega. Ma a un tratto si alza esclamando contristata e dispettosa:
Nè mai dunque avrò pace?
E da pensieri tristi ognor sarò turbata?
Ohimè! solo una celia io fui per lui,
E del mio ardente bacio egli si rise?
con accento d'odio
Ebben, morrai, crudel!
con raccapriccio prima, poi con isconforto
Ah! misera me, che l'amo, l'amo!
La giovinezza coi suoi sogni ardenti,
Or crudeli tormenti,
Tutta sola mi lascia;
È già s'accascia
Nel triste ricordare la persona,
E la speranza fugge e m'abbandona!
In un suo bacio v'era la mia vita,
In un suo bacio la speranza tutta!
E m'ha quel bacio la vita infranta!
Misera me! Ei m'ha la vita,
piangendo
Ei m'ha la vita con quel suo bacio infranta,
Ohimè, ohimè, ohimè!
Pur … gli perdono; io non vo' la sua vita …
A Gellner voglio dir che pazza fui …
Apre la porta per iscendere nella via, ma si arresta sulla sogli spaventata dall'oscurità.
Che tetra notte!
Come fischia il vento!
guardando verso il ponte
Spento è il lume laggiù!
Giuseppe certo a Sölden è rimasto;
Per stanotte non ha nulla a temer …
Doman l'avvertirò!
Richiude la porta e più tranquilla si accinge a coricarsi.

HAGENBACH
compare dietro il ponte; egli cammina a tentoni nell'oscurità
Buio è il sentier …
La lampada è spenta …
Ma che m'importa?
Ai piedi di Wally il rimorso e l'amor mi guideranno.
Ah! …

Sta per passare il ponte, quando Gellner gli è addosso, e lo fa precipitare dal piccolo parapetto. L'Hagenbach getta un urlo terribile. Gellner scende rapidamente, quasi fuggendo. Poi, giunto allo sbocco del sentiero, rallenta il passo e fa per rientrare in casa sua. Ma vendendo la finestra della camera della Wally ancora rischiarata da un lume, vi si avvicina.

WALLY
sobbalzando
È strano! intorno a me solo lamenti odo stanotte.

GELLNER
È desta ancora la selvaggia e aspetta!
Batte sommessamente ai vetri d'una finestra.

WALLY
Oh ciel! chi batte?
con spavento
È Gellner! Che vorrà?
Atterrita, corre come una pazza alla porta, l'apre ed esce nella via.

Da questo punto l'azione si svolge tutta nella via dell'Hochstoff.

GELLNER
Se vuoi vederlo morto
Nell'Ache discendi e lo vedrai.

WALLY
No, non è ver!

GELLNER
Oh come vero Dio …

WALLY
No, non è ver!

GELLNER
Dal ponte or or l'ho precipitato …

WALLY
afferrandolo convulsa per il collo
Vile!

GELLNER
Taci … che fai?

WALLY
trascinando verso il ponte
Vieni con me …

GELLNER
dibattendosi
Taci … mi lascia …

WALLY
Vieni! Vieni! Laggiù noi due insiem!
Là v'è l'altare delle nostre nozze.

Trascina Gellner sin presso al ponte, quando dall'abisso sorge un lamento. Ascolta trepidante. Le sue braccia lasciano sfuggire Gellner. Un altro lamento s'ode distinatamente.

WALLY
con impeto di gioia
Dio! vive ancor! ei vive ancor!
Scende precipitosa nella via, urlando e picchiando a tutte le porte.
A me, a me, soccorso!
A me, soccorso a me!

Si schiudono alcune finestre, si aprono le porte delle case; uomini e donne compaiono.

ABITANTI DELL'HOCHSTOFF
Che avvenne?

WALLY
Un uom nell'Ache …

ABITANTI DELL'HOCHSTOFF
Morto?

WALLY
Presto! È l'Hagenbach … ei vive … Presto!

La scena è invasa da uomini, da donne; chi porta torcie, chi corde e scale. Gellner è scomparso.

ABITANTI DELL'HOCHSTOFF
Presto alle corde … i nodi stretti!
Ben stretti i nodi …

WALLY
Stretti …

ABITANTI DELL'HOCHSTOFF
Ora allacciamo!

Dall'altra parte del ponte intanto si vedono venire a frotte quei di Sölden con armi e torcie; fra essi è Afra.

ABITANTI DI SÖLDEN
minacciosi
Dell'Hagenbach cerchiam … Dov'è?
Dov'è chiediam, dov'è, dov'è?

Un gran silenzio; nessuno osa rispondere.

AFRA
scoppiando in lacrime
Ah! l'hanno ucciso!

Quei di Sölden stanno per iscagliarsi contro quelli dell'Hochstoff; la Wally s'interpone gridando:

WALLY
Morto non è … No! spera … lo riavrai!

ABITANTI DI SÖLDEN E DELL'HOCHSTOFF
Oh! audacia!

Rapidamente Wally si apre un passaggio tra la folla, e corre verso il precipizio. Tutti la seguono collo sguardo. La Wally, senza esitare, per un piccolo sentiero scende nell'abisso. Meravigliati, quasi atterriti del suo forte atto di coraggio, gli uomini con le torcie alla mano, si affacciano al precipizio. Le donne s'inginocchiano in disparte e pregano.

ABITANTI DELL'HOCHSTOFF
Oh! spavento!
Signor, la proteggete!
Caliam le corde …
Ave Maria, gratia plena, dominus tecum …
Signor, la proteggete!
sbigottiti
Nulla s'ode …
L'abisso è profondo …
Ascoltiamo in silenzio …

WALLY
dal fondo dell'abisso, con gioia
Vive! Vive!

ABITANTI DI SÖLDEN E DELL'HOCHSTOFF
Vive! Presto, alle corde …

AFRA
All'opra sù!

ABITANTI DI SÖLDEN E DELL'HOCHSTOFF
si affannano all'abisso
All'opra, issa!
Forza alle corde, all'opra sù!
Sù issa! ohè! all'opra sù!

Dopo pochi minuti di un'ansia spaventevole, la Wally compare tenendo legato e stretto a sè il corpo dell'Hagenbach, privo di sensi.

AFRA, ABITANTI DI SÖLDEN E DELL'HOCHSTOFF
È salvo! è salvo!
Gli amici prendono Giuseppe e lo adagiano per terra.
O santa e generosa creatura, generosa e santa!

WALLY
in uno stato di suprema esaltazione, dall'alto della rupe, additando alla folla che le si accalca attorno il corpo del giovane cacciatore, esclama:
Sì, vive ancor!
ad Afra
È Dio che t'el ridona
E tuo lo vuole, per mia man salvato.
sempre ad Afra con grande commozione
Così … pur la mia casa …
E i campi, e i pratti, Afra son tuoi …
Un singhiozzo le tronca la parola; scoppia in lagrime e s'inginocchia presso Giuseppe baciandolo in volto e mormorando:
Addio! Addio!
Poscia si scosta rapidamente da lui, e pretendo nelle sue mani di Afra, le dice a voce alta per modo che tutti possano udire:
Allor che gli occhi riaprirà alla luce,
Gli dirai che il bacio che mi tolse,
Ora gli ho reso!

AFRA, ABITANTI DI SÖLDEN E DELL'HOCHSTOFF
O generosa e santa creatura!



|新しいページ|検索|ページ一覧|RSS|@ウィキご利用ガイド | 管理者にお問合せ
|ログイン|