オペラ作曲家別索引

オペラ対訳完成

その他対訳完成

対訳一部完成

このサイトについて

アクセス数

  • 今日  -
  • 昨日  -
  • 累計  -

翻訳エンジン


bose_soundlink_color_ii



Scena nona
Bertrando, Tarabotto in disparte, indi Ormondo

(Bertrando, entrata Isabella, va passeggiando concentrato in se stesso ed indica somma agitazione.)

Tarabotto
(Oh la impressione è fatta, e sembra in bene.)

Bertrando
No no, morta è Isabella.
Questa è Nisa, nipote
di Tarabotto.

Tarabotto
(Oh falla i conti.)

Bertrando
Or dunque...

(Esce Ormondo.)

Ormondo
Signor, tutto è disposto...

Bertrando Intesi. Ascolta.
Ebbe in mare Isabella e morte e tomba?

Ormondo
(esitando)
E perché?..

Bertrando
(con calore)
L’ebbe?

Ormondo
E’ certo.

Bertrando
Eppur poc’anzi...
(si ritiene dal proseguire)
(No, per ora si taccia.)
(ad Ormondo)Io vo e t’attendo
ove t’imposi in pria.
(Quai prova angoscie mai quest’alma mia!)

(Parte col seguito.)


Scena decima
Ormando, Tarabotto in disparte, poi Batone

Ormondo
Quale inchiesta! qual suo gran turbamento!..
(Esce Batone.)
(con un po’ d’agitazione)
Vien, Batone mio fido...

Tarabotto
(Sentiamo adesso questi galantuomini.)

Batone
Che vuol dir signor mio?..

Ormondo Tu già vedesti
Isabella perir!..

Batone
Sicuramente.
Ma perché il domandate?

Ormondo
Perché il Duca
mi chiese or or lo stesso.

Batone
Ch’egli avesse veduta la nipote
di Tarabotto capo
di questi minatori?

Ormondo
E ciò che serve?

Batone
Che serve? Questa donna
proprio è un pomo spartito
colla morta Duchessa.

Ormondo
(con gran premura)
L’hai veduta?

Batone
E come!

Ormondo
Che un destino a me nemico
tratta salva l’avesse?

Batone
Oh! cosa dite?

Ormondo
(prende a sé Batone e gli parla in modo che Tarabotto allunga il collo per sentire, ma inutilmente)
Senti. Comando a te rapir costei
tosto che si fa notte, e a me condurla.

Tarabotto
(Non sento niente.)

Ormondo
A te darò seguaci
quai l’uopo esige. Vo’ vedere io stesso
sì gran portento.

Batone
(con apprensione e forte) Ma vederla or ora
qui voi potrete senza ch’io stanotte...

Ormondo
E che?.. Non vo’ consiglio
ove possa temere un mio periglio.
Tu mi conosci e sai
che a me non si contrasta.
Servi al comando e basta,
né osarmi replicar.
Sia l’opra appien compita,
o pagherà tua vita
un detto sol che possa
l’arcano palesar.
(parte)


Scena undicesima
Batone e Tarabotto prima in disparte, e che poi si fa vedere a tempo.

Batone
(da sé)
O pagherà tua vita! Ecco la solita
sua bella canzonetta.

Tarabotto
(Un arcano!.. Stanotte!.. Una minaccia
di vita! Ah qui v’è sotto qualche diavolo.)

Batone
(Che questa Nisa fosse la Duchessa
salvata a caso!)

Tarabotto
Ei va fantasticando:
tanto più n’ho sospetto.)

Batone
(Io lo potrei sapere
da questo Tarabotto. Egli è un baggiano
e cascherà!)

Tarabotto
L’arcano
tentiamo con destrezza
ricavar da costui.)
(passa dalla sua posizione alla imboccatura d’una cavità)

Batone
Se scopro la Duchessa
corro a dirglielo al Duca sul momento,
e in tal guisa va a monte il rapimento.)

Tarabotto
(fingendo parlare verso l’interno della cavità, e passar indi in casa)
Ho inteso. Vado e torno...

Batone
(a tempo)
Oh amico mio...
(invitandolo a sé)

Tarabotto
Vostro buon servitore. Comandate
qualche cosa?

Batone
Sappiate
che intesi dire tanto ben di voi,
che sono innamorato
della vostra persona.

Tarabotto
O che sorte! Ed io pure
quando vi vedo... non vi dico altro.

Batone
Simpatia sorprendente!

Tarabotto
Caso straordinario!

Batone
V’assicuro,
che vo’ farvi del ben proprio in affetto.

Tarabotto
E lo stesso di core a voi prometto.

Batone
(dopo averlo guardato un momento in aria di compassione)
Ma non tutti la pensano per voi
come la penso io.

Tarabotto
(come Batone)
Siam nello stesso caso, o signor mio...

Batone
(incalzando il dialoglo)
Dite davvero?

Tarabotto
Dite
la verità?

Batone
Io qui ho nemici?

Tarabotto
V’è
tra voi chi mi vuol mal?

Batone
Sono stupito!

Tarabotto
Resto come un stivale.
(Dopo essersi guardati un momento.)

Batone
(Non lo capisco ben, vediamci chiaro.)

Tarabotto
(La va da galeotto a marinaro.)
Via, s’egli è ver che mi volete bene,
ditemi tutto.

Batone
E tutto dite voi.

Tarabotto
Ebbene, cominciate,
ed io proseguirò.

Batone
Dunque ascoltate.
(parlandogli colla più amichevole confidenza affettuosa)
Va taluno mormmorando,
che nipote non avete,
e che Nisa è un contrabbando
che vi deve rovinar.

(Tarabotto resta un momento senza parlare guardando Batone, poi dice al medesimo in aria della più grande ingenuità ed affettuosa premura.)

Tarabotto
Dir intesi che voi siete,
pel voler d’un certo tale,
un che altrui facendo male
deve alfin precipitar.
(Si guardano, e prorompono in un scoppio di risa.)

Batone
Si pon dir più gran sciocchezze?

Tarabotto
Si pon dir più gran follie!

Tarabotto e Batone
O che ciarle, che pazzie!
Me la rido in verità.
(Si dividono, e dicono di sé:)
(Questo è un furbo come va.)

Batone
Pur la cosa è spinta a tanto...
(Si riuniscono, e si parlano in aria del più gran segreto.)

Tarabotto
Pur la crede ognun cotanto...

Batone
Che si dice che la donna
pose il Duca in gran sospetto.

Tarabotto
Che si dice che di mira
già prrendeste un certo oggetto...
(Prorompono come sopra.)

Batone
Ma vedete maldicenze!

Tarabotto
Ma vedete scioccherie!

Tarabotto e Batone
O che ciarle! che pazzie!
Me la rido in verità.
(Ah costui sudar mi fa.)

Batone
(in aria della più grande importanza)
Se per altro fosse vero
o qual premio se parlate.

Tarabotto
Se però siete sincero
o che guai che voi scappate!

Batone
Mi capite... argento ed oro!

Tarabotto
M’intendete... egli è bastone!

Batone
Via spiegate...

Tarabotto
Via parlate...

Batone
Non so nulla...

Tarabotto
Non so niente...

Batone
Dunque son...

Tarabotto
Castronerie!

Tarabotto e Batone
O che ciarle, che pazzie!
Me la rido in verità!
(Sta’ pur duro quanto vuoi,
ma capito io t’ho di già.)


Scena dodicesima
Tarabotto, indi Isabella ch’esce circospetta e guardandosi intorno.

Tarabotto
E’ deciso. Costoro, in gran sospetto,
l’hanno colla Duchessa e questa notte
le preparan la festa.
Ma ci son io per bacco!

Isabella
Amico, qui poc’anzi
di Batone la voce udir mi parve.

Tarabotto
E’ vero. Dite, v’ha costui veduta?

Isabella
Sì, non è molto.

Tarabotto
Ora ho capito tutto.

Isabella
Forse sospetta?

Tarabotto
Sì, non v’inquietate.
Nella testa ho un terribile progetto...
La notte s’avvicina...
Ritorna il Duca...

Isabella
Io fuggo.

Tarabotto
Anzi restate.
Vo’ che gli raccontiate i casi vostri.

Isabella
Che pensi? come?

Tarabotto
Vel dirò. M’è d’uopo
che assai lo interessiate.

Isabella
Eccolo... oh dio!
Seco è il tiranno mio...
Al vederlo o qual gelo!

Tarabotto
Coraggio.

Isabella
Ed in chi mai sperar!..

Tarabotto
Nel cielo.


Scena tredicesima
Detti, Bertrando, Ormondo e seguito

(Tarabotto e Isabella s’inchinano. Finché Bertrando parla ad Ormondo, Trabotto parla piano ad Isabella)

Bertrando
Al nuovo dì col mio fedele Ormondo
parlerai sul disegno.

Tarabotto
Altezza sì.

Isabella
(Regger mi posso appena.)

Bertrando
(piano ad Ormondo)
(Vedila.)

Ormondo
(Sorprendente somiglianza!)

Tarabotto
(Ci siamo intesi.)

Isabella
(O ciel mi sforzerò!)

Bertrando
Nisa gentil, voi sempre mesta!

Isabella
Sempre.

Bertrando
E perché?

Isabella
Pel più giusto
e fatale timore.

Bertrando
Timor di che?

Isabella
Degli uomini.

Ormondo
(marcatamente e fissando Isabella)
Degli uomini!

Tarabotto
E n’ha ragion.

Bertrando
Ragione?

Tarabotto
Aver dovea
uno sposo... sì... no... s’è poi ficcato
il diavolo di mezzo... e allor... che guai!..
Diglielo tu che meglio lo dirai.

Isabella
No, ricordar non voglio un tradimento.

Bertrando
Voi tradita!

Isabella
Ah nol fossi!

Bertrando
E chi fu il traditor?

Isabella
Deh! che chiedete?

Bertrando
Il Duca ora v’impone
far la vostra vicenda a lui presente.

Isabella
Che chiedete, o signore, a un’innocente!
O quale al rammentar l’infausta scena
qual tremito mi scuote! Ah che all’idea
di lei, ridotta a fatal punto estremo
io sudo, agghiaccio, inorridisco e fremo!
Mai più tanto possente
armi impugnò di morte...
la nera fellonia. Della vendetta
giurò sull’ara infame
odio a virtù; e frattanto
la misera innocenza
priva di dolce aita
invan chiedea pietà sola e tradita.
E degg’io la vicenda
far nota a voi del più infelice amore?
Sì, parlerò, se pur mi regga il core.
Al più dolce e caro oggetto
io serbava un’alma amante:
egli ardea d’eguale affetto,
ed in noi regnava amor.
Quando un fellon m’invola
il cor del mio diletto,
e abbandonata e sola
mi guida a crudo orror.
Che palpito crudele,
che pena sento al cor!
Ah mi consoli almeno
chi prova in seno amor.
(entra in casa)


Scena quattordicesima
Bertrando, Tarabotto, Ormondo

Bertrando
(Son fuor di me! Il mio caso!)
(resta assorto in se stesso)

Ormondo
(La storia mia! affrettiamci
tutto a dispor pel rapimento. Io stesso
ne veglierò, ché di nessun mi fido.)

Tarabotto
(Rumina pur.)

Ormondo
Signor, se ciò vi piace,
or men vado a dispor pel nuovo giorno
quanto già m’imponeste.

Bertrando
Va pur.
(piano ad Ormondo)
(Dimmi, o fedel, non è un portento!
L’udisti!..)

Ormondo
(E che perciò? Quale per lei
strana cura, o signor?)
(s’inchina al Duca, e dice da sé nel partire)
(Perdiam costei.)
(parte)


(Va facendosi notte)


Scena quindicesima
Bertrando e Tarabotto

(Bertrando resta assorto in sé stesso.)

Tarabotto
Parmi tutto disposto,
e il gran colpo tentiam. Deve egli stesso
scoprir l’iniquo. (Altezza... aimè...)
(se gli butta ginocchioni)

Bertrando
Che fai!
Alzati.

Tarabotto
(parlandogli con voce artificiosamente soffocata per non essere inteso dal seguito del Duca)
No, se prima
non si degna promettermi
di defender la povera
Nisa nipote mia.

Bertrando
Come? che dici?
Io difesa prometto...
(Tarabotto si leva.)
Chi ardisci farle offesa?

Tarabotto
Quel briccone
di cui poc’anzi le ho parlato. A sorte
ho scoperto che allor che faccia notte
qui verrà per tentare non so quale
danno contro di lei.
Siamo alla notte, ed io, per non spaurirla,
nulla le ho detto, ma il periglio è tale...

Bertrando
Chi è costui? farò ch’ei tremi...

Tarabotto
Io giuro a vostr’Altezza
che se il briccon con arte non si piglia...
forza non val.

Bertrando
Che!

Tarabotto
L’è così. Di nuovo,
Altezza, a lei lo giuro.

Bertrando
(vivamente)
Ebben, vivi sicuro,
che qui a difesa sua farò che vegli
un tal, per cui punito il tradimento
sarà col traditore in sul momento.
(parte col seguito)

Tarabotto
Chi esser può questo tal sennon ei stesso?
Andiamo tosto a far uscir di casa
per il cortil la povera signora.
Poi qui nascosti e stando in attenzione
scoprirem l’arti ree di quel briccone.


(La scena é oscurissima)


Scena ultima
Tutti successivamente

(Batone, con seguaci armati, uno de’ quali ha un fanale da mano chiuso, e che dentro ha un lume acceso.)

Batone
Tacita notte oscura
deh, fa’ ch’io giunga al segno;
e l’opra e’l mio disegno
ti prego secondar. (ai seguaci)
Amici, voi sapete
chi vuol che ciò sia fatto.
Or dunque su accostiamoci.
(s’accosta alla casa ed ascolta)
Qui non si sente un gatto...
(S’accosta quello che ha il fanale.)
Fa’ chiaro un poco... è aperto...
(trova aperta la porta)
Ci dà favor la sorte,
andiamo a lavorar.
(entra co’ suoi seguaci)

(Entrato ch’egli è, escono da un viale a canto alla casa Tarabotto e Isabella e passano dall’altra parte ascondendosi dietro l’arbore e la panca. Isabella è vestita con un abito nobile ma dimesso.)

Isabella
Perché con queste spoglie
vestita or mi bramate?

Tarabotto
Allor che v’ho salvata
vestita n’eravate.

Isabella
Ma dite a quele oggetto?

Tarabotto
Ve lo dirà l’effetto.
Venite e vinceremo
non state a dubitar.

Isabella
Ah ciel vacillo e tremo,
non oso più sperar.

(si celano)

(Esce Bertrando con seguito. Alcuni hanno delle fiaccole smorzate, ed uno ha un fanale come sopra.)

Bertrando
In quelle cave oscure
celiamci o fidi miei.
Perché vid’io costei?
Perché degg’io tremar?
(entra nelle cavità col seguito, con cui si mette in ascolto)

Isabella
Mi balza il cor dal petto.
(piano fra loro)

Tarabotto
E’ lui, non ve l’ho detto!
(Esce Ormondo e parla trovandosi poco distante dal sito ove sta Bertrando in ascolto. Egli è con un seguace solo.)

Ormondo
(sta pensando)
Ch’entrato sia Batone,
che il colpo abbia tentato?

Bertrando
(Ormondo!)


Tarabotto
(E’ qui il briccone.
I sorci vanno in trappola.)

Ormondo
Men voglio assicurar.
(S’avanza verso la casa da cui n’esce Batone co’ suoi.)
Batone.

Batone
Signor mio!..

Ormondo
Ebben l’hai tu rapita?

Batone
Di casa ell’è sparita...

Ormondo
Non credo se non vedo...
(entra co’ seguaci)

Batone
Entrate... io non ho torto...
(Esce a questo punto Bertrando e sorprende Batone.)
Ah!

Bertrando
Taci o tu sei morto!
Allor che torna Ormondo
fa’ che ragion ti renda
perché tal ratto imprenda,
ed io sto ad ascoltar.

Batone
(con gran timore)
Signor... sarà... servito...
(Oimé!.. che cado... in fosso...
Mi vien la febbre addosso...
In piè non posso star.)

Isabella e Bertrando
(O ciel l’angustia mia
mi guida a delirar.)

Tarabotto
(piano a Isabella)
(Da brava, forti adesso,
non c’è da dubitar.)

(Bertrando si rimetta al suo posto.)

Batone
Coraggio, Batone,
ci va la tua pelle.
Facciamo il briccone
ben chiaro parlar.

(Esce Ormondo dalla casa co’ suoi.)

Ormondo
Che fiera disdetta!

Batone
Ebbene?

Ormondo
Non c’è.

Batone
Ma dite, e perché
rapir questa donna.

Ormondo
O dessa è Isabella
già ingrata al mio amore,
(Bertrando fa gran motto di sdegno.)
o tanto par quella,
ch’io debbo tremar.

Batone
E avete deciso...

Ormondo
Che mora all’istante..

(Incalzando il dialogo tutti due, e parlando quasi forte, Batone spiega la più gran compiacenza.)

Batone
Perché non volete...

Ormondo
Che viva un oggetto...

Batone
Che della vendetta...

Ormondo
Mi tolga l’effetto...

Batone
E al Duca discopra...

Ormondo
I miei primi inganni...

(Esce Bertrando con soldati che hanno accese le fiaccole. S’illumina il teatro.)

Bertrando
Tu sogni, t’inganni
o vil traditor.

(Ormondo è disarmato e tolto in mezzo dai soldati.)

Bertrando
(desolatissimo)
Sposa oh dio! sposa ove sei?
Fui sedotto e ti perdei!..
S’altro offrirti non poss’io
abbi almeno il sangue mio...
(per cavare la spada)

(Esce Isabella con Tarabotto, e trattengono il Duca.)

Isabella e Tarabotto
Fermo... fermo...

Bertrando
(ad Isabella) Tu! chi sei?

Isabella
Chi nel core come in petto
porta quel cui serba affetto.
(cava dal seno il ritratto di Bertrando, che va all’eccesso dello sbalordimento ora guardando Isabella, ora il ritratto)

Bertrando
Tu il ritratto!.. d’Isabella,
tu le vesti...

Tarabotto
(vivamente)
E’ quella, è quella,
che da me fu un dì trovata
sulla spiaggia mezza morta,
ch’è per opra mia rinata,
che per voi or qui ho risorta,
(colla più grande impazienza)
che le vesti le ho serbato,
che il briccone ho smascherato,
che... non basta?

Bertrando
Dio!..
(per istendere ad Isabella le braccia, ma si ritiene)
Ma degno
del tuo cor, ah più non sono!..

Isabella
Tu m’offrivi il sangue istesso!..
Sei pentito... io ti perdono.
(gli stende le braccia, e vi vola Bertrando)

Batone
(Ora tocca a me il sorbetto!)

Tarabotto
Viva, viva il vero amor!

Bertrando
(a Batone)
E perché nel rapimento
l’opra tua fu all’empio unita?

Batone
Perché fece a me il saluto
«Pagherai colla tua vita!..»
(fa un moto d’ira verso Ormondo)
Se la vita abbiam perduto
non si compra un’altra volta.
Onde... Altezze... vedon bene...
(s’inginocchia)
Grazia a un figlio del timor.

Isabella
Grazia a lui sia pur concessa.

Tarabotto e Batone
Benedetta! ognor la stessa!

Bertrando
(a Tarabotto)
Premio degno, o uom virtuoso,
già t’appresta il nostro core.
Tratto altrove a giusto orrore
tosto sia quell’empio cor.

(I soldati conducono via Ormondo.)

Tutti
Presto o tardi il ciel clemente
tutti scopre i neri inganni;
e corona l’innocente,
e punisce il traditor.
Scena nona
Bertrando, Tarabotto in disparte, indi Ormondo

(Bertrando, entrata Isabella, va passeggiando concentrato in se stesso ed indica somma agitazione.)

Tarabotto
(Oh la impressione è fatta, e sembra in bene.)

Bertrando
No no, morta è Isabella.
Questa è Nisa, nipote
di Tarabotto.

Tarabotto
(Oh falla i conti.)

Bertrando
Or dunque...

(Esce Ormondo.)

Ormondo
Signor, tutto è disposto...

Bertrando Intesi. Ascolta.
Ebbe in mare Isabella e morte e tomba?

Ormondo
(esitando)
E perché?..

Bertrando
(con calore)
L’ebbe?

Ormondo
E’ certo.

Bertrando
Eppur poc’anzi...
(si ritiene dal proseguire)
(No, per ora si taccia.)
(ad Ormondo)Io vo e t’attendo
ove t’imposi in pria.
(Quai prova angoscie mai quest’alma mia!)

(Parte col seguito.)


Scena decima
Ormando, Tarabotto in disparte, poi Batone

Ormondo
Quale inchiesta! qual suo gran turbamento!..
(Esce Batone.)
(con un po’ d’agitazione)
Vien, Batone mio fido...

Tarabotto
(Sentiamo adesso questi galantuomini.)

Batone
Che vuol dir signor mio?..

Ormondo Tu già vedesti
Isabella perir!..

Batone
Sicuramente.
Ma perché il domandate?

Ormondo
Perché il Duca
mi chiese or or lo stesso.

Batone
Ch’egli avesse veduta la nipote
di Tarabotto capo
di questi minatori?

Ormondo
E ciò che serve?

Batone
Che serve? Questa donna
proprio è un pomo spartito
colla morta Duchessa.

Ormondo
(con gran premura)
L’hai veduta?

Batone
E come!

Ormondo
Che un destino a me nemico
tratta salva l’avesse?

Batone
Oh! cosa dite?

Ormondo
(prende a sé Batone e gli parla in modo che Tarabotto allunga il collo per sentire, ma inutilmente)
Senti. Comando a te rapir costei
tosto che si fa notte, e a me condurla.

Tarabotto
(Non sento niente.)

Ormondo
A te darò seguaci
quai l’uopo esige. Vo’ vedere io stesso
sì gran portento.

Batone
(con apprensione e forte) Ma vederla or ora
qui voi potrete senza ch’io stanotte...

Ormondo
E che?.. Non vo’ consiglio
ove possa temere un mio periglio.
Tu mi conosci e sai
che a me non si contrasta.
Servi al comando e basta,
né osarmi replicar.
Sia l’opra appien compita,
o pagherà tua vita
un detto sol che possa
l’arcano palesar.
(parte)


Scena undicesima
Batone e Tarabotto prima in disparte, e che poi si fa vedere a tempo.

Batone
(da sé)
O pagherà tua vita! Ecco la solita
sua bella canzonetta.

Tarabotto
(Un arcano!.. Stanotte!.. Una minaccia
di vita! Ah qui v’è sotto qualche diavolo.)

Batone
(Che questa Nisa fosse la Duchessa
salvata a caso!)

Tarabotto
Ei va fantasticando:
tanto più n’ho sospetto.)

Batone
(Io lo potrei sapere
da questo Tarabotto. Egli è un baggiano
e cascherà!)

Tarabotto
L’arcano
tentiamo con destrezza
ricavar da costui.)
(passa dalla sua posizione alla imboccatura d’una cavità)

Batone
Se scopro la Duchessa
corro a dirglielo al Duca sul momento,
e in tal guisa va a monte il rapimento.)

Tarabotto
(fingendo parlare verso l’interno della cavità, e passar indi in casa)
Ho inteso. Vado e torno...

Batone
(a tempo)
Oh amico mio...
(invitandolo a sé)

Tarabotto
Vostro buon servitore. Comandate
qualche cosa?

Batone
Sappiate
che intesi dire tanto ben di voi,
che sono innamorato
della vostra persona.

Tarabotto
O che sorte! Ed io pure
quando vi vedo... non vi dico altro.

Batone
Simpatia sorprendente!

Tarabotto
Caso straordinario!

Batone
V’assicuro,
che vo’ farvi del ben proprio in affetto.

Tarabotto
E lo stesso di core a voi prometto.

Batone
(dopo averlo guardato un momento in aria di compassione)
Ma non tutti la pensano per voi
come la penso io.

Tarabotto
(come Batone)
Siam nello stesso caso, o signor mio...

Batone
(incalzando il dialoglo)
Dite davvero?

Tarabotto
Dite
la verità?

Batone
Io qui ho nemici?

Tarabotto
V’è
tra voi chi mi vuol mal?

Batone
Sono stupito!

Tarabotto
Resto come un stivale.
(Dopo essersi guardati un momento.)

Batone
(Non lo capisco ben, vediamci chiaro.)

Tarabotto
(La va da galeotto a marinaro.)
Via, s’egli è ver che mi volete bene,
ditemi tutto.

Batone
E tutto dite voi.

Tarabotto
Ebbene, cominciate,
ed io proseguirò.

Batone
Dunque ascoltate.
(parlandogli colla più amichevole confidenza affettuosa)
Va taluno mormmorando,
che nipote non avete,
e che Nisa è un contrabbando
che vi deve rovinar.

(Tarabotto resta un momento senza parlare guardando Batone, poi dice al medesimo in aria della più grande ingenuità ed affettuosa premura.)

Tarabotto
Dir intesi che voi siete,
pel voler d’un certo tale,
un che altrui facendo male
deve alfin precipitar.
(Si guardano, e prorompono in un scoppio di risa.)

Batone
Si pon dir più gran sciocchezze?

Tarabotto
Si pon dir più gran follie!

Tarabotto e Batone
O che ciarle, che pazzie!
Me la rido in verità.
(Si dividono, e dicono di sé:)
(Questo è un furbo come va.)

Batone
Pur la cosa è spinta a tanto...
(Si riuniscono, e si parlano in aria del più gran segreto.)

Tarabotto
Pur la crede ognun cotanto...

Batone
Che si dice che la donna
pose il Duca in gran sospetto.

Tarabotto
Che si dice che di mira
già prrendeste un certo oggetto...
(Prorompono come sopra.)

Batone
Ma vedete maldicenze!

Tarabotto
Ma vedete scioccherie!

Tarabotto e Batone
O che ciarle! che pazzie!
Me la rido in verità.
(Ah costui sudar mi fa.)

Batone
(in aria della più grande importanza)
Se per altro fosse vero
o qual premio se parlate.

Tarabotto
Se però siete sincero
o che guai che voi scappate!

Batone
Mi capite... argento ed oro!

Tarabotto
M’intendete... egli è bastone!

Batone
Via spiegate...

Tarabotto
Via parlate...

Batone
Non so nulla...

Tarabotto
Non so niente...

Batone
Dunque son...

Tarabotto
Castronerie!

Tarabotto e Batone
O che ciarle, che pazzie!
Me la rido in verità!
(Sta’ pur duro quanto vuoi,
ma capito io t’ho di già.)


Scena dodicesima
Tarabotto, indi Isabella ch’esce circospetta e guardandosi intorno.

Tarabotto
E’ deciso. Costoro, in gran sospetto,
l’hanno colla Duchessa e questa notte
le preparan la festa.
Ma ci son io per bacco!

Isabella
Amico, qui poc’anzi
di Batone la voce udir mi parve.

Tarabotto
E’ vero. Dite, v’ha costui veduta?

Isabella
Sì, non è molto.

Tarabotto
Ora ho capito tutto.

Isabella
Forse sospetta?

Tarabotto
Sì, non v’inquietate.
Nella testa ho un terribile progetto...
La notte s’avvicina...
Ritorna il Duca...

Isabella
Io fuggo.

Tarabotto
Anzi restate.
Vo’ che gli raccontiate i casi vostri.

Isabella
Che pensi? come?

Tarabotto
Vel dirò. M’è d’uopo
che assai lo interessiate.

Isabella
Eccolo... oh dio!
Seco è il tiranno mio...
Al vederlo o qual gelo!

Tarabotto
Coraggio.

Isabella
Ed in chi mai sperar!..

Tarabotto
Nel cielo.


Scena tredicesima
Detti, Bertrando, Ormondo e seguito

(Tarabotto e Isabella s’inchinano. Finché Bertrando parla ad Ormondo, Trabotto parla piano ad Isabella)

Bertrando
Al nuovo dì col mio fedele Ormondo
parlerai sul disegno.

Tarabotto
Altezza sì.

Isabella
(Regger mi posso appena.)

Bertrando
(piano ad Ormondo)
(Vedila.)

Ormondo
(Sorprendente somiglianza!)

Tarabotto
(Ci siamo intesi.)

Isabella
(O ciel mi sforzerò!)

Bertrando
Nisa gentil, voi sempre mesta!

Isabella
Sempre.

Bertrando
E perché?

Isabella
Pel più giusto
e fatale timore.

Bertrando
Timor di che?

Isabella
Degli uomini.

Ormondo
(marcatamente e fissando Isabella)
Degli uomini!

Tarabotto
E n’ha ragion.

Bertrando
Ragione?

Tarabotto
Aver dovea
uno sposo... sì... no... s’è poi ficcato
il diavolo di mezzo... e allor... che guai!..
Diglielo tu che meglio lo dirai.

Isabella
No, ricordar non voglio un tradimento.

Bertrando
Voi tradita!

Isabella
Ah nol fossi!

Bertrando
E chi fu il traditor?

Isabella
Deh! che chiedete?

Bertrando
Il Duca ora v’impone
far la vostra vicenda a lui presente.

Isabella
Che chiedete, o signore, a un’innocente!
O quale al rammentar l’infausta scena
qual tremito mi scuote! Ah che all’idea
di lei, ridotta a fatal punto estremo
io sudo, agghiaccio, inorridisco e fremo!
Mai più tanto possente
armi impugnò di morte...
la nera fellonia. Della vendetta
giurò sull’ara infame
odio a virtù; e frattanto
la misera innocenza
priva di dolce aita
invan chiedea pietà sola e tradita.
E degg’io la vicenda
far nota a voi del più infelice amore?
Sì, parlerò, se pur mi regga il core.
Al più dolce e caro oggetto
io serbava un’alma amante:
egli ardea d’eguale affetto,
ed in noi regnava amor.
Quando un fellon m’invola
il cor del mio diletto,
e abbandonata e sola
mi guida a crudo orror.
Che palpito crudele,
che pena sento al cor!
Ah mi consoli almeno
chi prova in seno amor.
(entra in casa)


Scena quattordicesima
Bertrando, Tarabotto, Ormondo

Bertrando
(Son fuor di me! Il mio caso!)
(resta assorto in se stesso)

Ormondo
(La storia mia! affrettiamci
tutto a dispor pel rapimento. Io stesso
ne veglierò, ché di nessun mi fido.)

Tarabotto
(Rumina pur.)

Ormondo
Signor, se ciò vi piace,
or men vado a dispor pel nuovo giorno
quanto già m’imponeste.

Bertrando
Va pur.
(piano ad Ormondo)
(Dimmi, o fedel, non è un portento!
L’udisti!..)

Ormondo
(E che perciò? Quale per lei
strana cura, o signor?)
(s’inchina al Duca, e dice da sé nel partire)
(Perdiam costei.)
(parte)


(Va facendosi notte)


Scena quindicesima
Bertrando e Tarabotto

(Bertrando resta assorto in sé stesso.)

Tarabotto
Parmi tutto disposto,
e il gran colpo tentiam. Deve egli stesso
scoprir l’iniquo. (Altezza... aimè...)
(se gli butta ginocchioni)

Bertrando
Che fai!
Alzati.

Tarabotto
(parlandogli con voce artificiosamente soffocata per non essere inteso dal seguito del Duca)
No, se prima
non si degna promettermi
di defender la povera
Nisa nipote mia.

Bertrando
Come? che dici?
Io difesa prometto...
(Tarabotto si leva.)
Chi ardisci farle offesa?

Tarabotto
Quel briccone
di cui poc’anzi le ho parlato. A sorte
ho scoperto che allor che faccia notte
qui verrà per tentare non so quale
danno contro di lei.
Siamo alla notte, ed io, per non spaurirla,
nulla le ho detto, ma il periglio è tale...

Bertrando
Chi è costui? farò ch’ei tremi...

Tarabotto
Io giuro a vostr’Altezza
che se il briccon con arte non si piglia...
forza non val.

Bertrando
Che!

Tarabotto
L’è così. Di nuovo,
Altezza, a lei lo giuro.

Bertrando
(vivamente)
Ebben, vivi sicuro,
che qui a difesa sua farò che vegli
un tal, per cui punito il tradimento
sarà col traditore in sul momento.
(parte col seguito)

Tarabotto
Chi esser può questo tal sennon ei stesso?
Andiamo tosto a far uscir di casa
per il cortil la povera signora.
Poi qui nascosti e stando in attenzione
scoprirem l’arti ree di quel briccone.


(La scena é oscurissima)


Scena ultima
Tutti successivamente

(Batone, con seguaci armati, uno de’ quali ha un fanale da mano chiuso, e che dentro ha un lume acceso.)

Batone
Tacita notte oscura
deh, fa’ ch’io giunga al segno;
e l’opra e’l mio disegno
ti prego secondar. (ai seguaci)
Amici, voi sapete
chi vuol che ciò sia fatto.
Or dunque su accostiamoci.
(s’accosta alla casa ed ascolta)
Qui non si sente un gatto...
(S’accosta quello che ha il fanale.)
Fa’ chiaro un poco... è aperto...
(trova aperta la porta)
Ci dà favor la sorte,
andiamo a lavorar.
(entra co’ suoi seguaci)

(Entrato ch’egli è, escono da un viale a canto alla casa Tarabotto e Isabella e passano dall’altra parte ascondendosi dietro l’arbore e la panca. Isabella è vestita con un abito nobile ma dimesso.)

Isabella
Perché con queste spoglie
vestita or mi bramate?

Tarabotto
Allor che v’ho salvata
vestita n’eravate.

Isabella
Ma dite a quele oggetto?

Tarabotto
Ve lo dirà l’effetto.
Venite e vinceremo
non state a dubitar.

Isabella
Ah ciel vacillo e tremo,
non oso più sperar.

(si celano)

(Esce Bertrando con seguito. Alcuni hanno delle fiaccole smorzate, ed uno ha un fanale come sopra.)

Bertrando
In quelle cave oscure
celiamci o fidi miei.
Perché vid’io costei?
Perché degg’io tremar?
(entra nelle cavità col seguito, con cui si mette in ascolto)

Isabella
Mi balza il cor dal petto.
(piano fra loro)

Tarabotto
E’ lui, non ve l’ho detto!
(Esce Ormondo e parla trovandosi poco distante dal sito ove sta Bertrando in ascolto. Egli è con un seguace solo.)

Ormondo
(sta pensando)
Ch’entrato sia Batone,
che il colpo abbia tentato?

Bertrando
(Ormondo!)


Tarabotto
(E’ qui il briccone.
I sorci vanno in trappola.)

Ormondo
Men voglio assicurar.
(S’avanza verso la casa da cui n’esce Batone co’ suoi.)
Batone.

Batone
Signor mio!..

Ormondo
Ebben l’hai tu rapita?

Batone
Di casa ell’è sparita...

Ormondo
Non credo se non vedo...
(entra co’ seguaci)

Batone
Entrate... io non ho torto...
(Esce a questo punto Bertrando e sorprende Batone.)
Ah!

Bertrando
Taci o tu sei morto!
Allor che torna Ormondo
fa’ che ragion ti renda
perché tal ratto imprenda,
ed io sto ad ascoltar.

Batone
(con gran timore)
Signor... sarà... servito...
(Oimé!.. che cado... in fosso...
Mi vien la febbre addosso...
In piè non posso star.)

Isabella e Bertrando
(O ciel l’angustia mia
mi guida a delirar.)

Tarabotto
(piano a Isabella)
(Da brava, forti adesso,
non c’è da dubitar.)

(Bertrando si rimetta al suo posto.)

Batone
Coraggio, Batone,
ci va la tua pelle.
Facciamo il briccone
ben chiaro parlar.

(Esce Ormondo dalla casa co’ suoi.)

Ormondo
Che fiera disdetta!

Batone
Ebbene?

Ormondo
Non c’è.

Batone
Ma dite, e perché
rapir questa donna.

Ormondo
O dessa è Isabella
già ingrata al mio amore,
(Bertrando fa gran motto di sdegno.)
o tanto par quella,
ch’io debbo tremar.

Batone
E avete deciso...

Ormondo
Che mora all’istante..

(Incalzando il dialogo tutti due, e parlando quasi forte, Batone spiega la più gran compiacenza.)

Batone
Perché non volete...

Ormondo
Che viva un oggetto...

Batone
Che della vendetta...

Ormondo
Mi tolga l’effetto...

Batone
E al Duca discopra...

Ormondo
I miei primi inganni...

(Esce Bertrando con soldati che hanno accese le fiaccole. S’illumina il teatro.)

Bertrando
Tu sogni, t’inganni
o vil traditor.

(Ormondo è disarmato e tolto in mezzo dai soldati.)

Bertrando
(desolatissimo)
Sposa oh dio! sposa ove sei?
Fui sedotto e ti perdei!..
S’altro offrirti non poss’io
abbi almeno il sangue mio...
(per cavare la spada)

(Esce Isabella con Tarabotto, e trattengono il Duca.)

Isabella e Tarabotto
Fermo... fermo...

Bertrando
(ad Isabella) Tu! chi sei?

Isabella
Chi nel core come in petto
porta quel cui serba affetto.
(cava dal seno il ritratto di Bertrando, che va all’eccesso dello sbalordimento ora guardando Isabella, ora il ritratto)

Bertrando
Tu il ritratto!.. d’Isabella,
tu le vesti...

Tarabotto
(vivamente)
E’ quella, è quella,
che da me fu un dì trovata
sulla spiaggia mezza morta,
ch’è per opra mia rinata,
che per voi or qui ho risorta,
(colla più grande impazienza)
che le vesti le ho serbato,
che il briccone ho smascherato,
che... non basta?

Bertrando
Dio!..
(per istendere ad Isabella le braccia, ma si ritiene)
Ma degno
del tuo cor, ah più non sono!..

Isabella
Tu m’offrivi il sangue istesso!..
Sei pentito... io ti perdono.
(gli stende le braccia, e vi vola Bertrando)

Batone
(Ora tocca a me il sorbetto!)

Tarabotto
Viva, viva il vero amor!

Bertrando
(a Batone)
E perché nel rapimento
l’opra tua fu all’empio unita?

Batone
Perché fece a me il saluto
«Pagherai colla tua vita!..»
(fa un moto d’ira verso Ormondo)
Se la vita abbiam perduto
non si compra un’altra volta.
Onde... Altezze... vedon bene...
(s’inginocchia)
Grazia a un figlio del timor.

Isabella
Grazia a lui sia pur concessa.

Tarabotto e Batone
Benedetta! ognor la stessa!

Bertrando
(a Tarabotto)
Premio degno, o uom virtuoso,
già t’appresta il nostro core.
Tratto altrove a giusto orrore
tosto sia quell’empio cor.

(I soldati conducono via Ormondo.)

Tutti
Presto o tardi il ciel clemente
tutti scopre i neri inganni;
e corona l’innocente,
e punisce il traditor.



|新しいページ|検索|ページ一覧|RSS|@ウィキご利用ガイド | 管理者にお問合せ
|ログイン|